L’obiettivo del progetto LIFE ASAP è ridurre il tasso di introduzione di specie aliene invasive e i loro impatti aumentando la consapevolezza della cittadinanza italiana e promuovendone la partecipazione attiva.

Le specie aliene invasive (IAS) sono una delle principali cause di perdita della biodiversità e generano ingenti danni socioeconomici alle attività produttive e alla salute umana. Le invasioni biologiche sono in forte crescita e la ridotta sensibilità del pubblico e la loro conseguente cattiva gestione sono i maggiori fattori limitanti l’azione di prevenzione e mitigazione dei loro impatti, in particolare in Italia. E' pertanto prioritario aumentare la consapevolezza sulle IAS mediante programmi di comunicazione ben pianificati e mirati in funzione dei diversi target. Non esistono dati esaustivi sula tasso d’introduzione di IAS e i relativi impatti in Italia. Alcuni dati sono disponibili per limitate aree geografiche o specie, ma spesso non sono aggiornati. Nei prossimi mesi, ISPRA lancerà il nuovo database nazionale sulle IAS con gli aggiornamenti per l’Italia. Come risultato minimo di progetto, ci attendiamo che il tasso di introduzione di IAS non aumenterà nei prossimi anni.

Obiettivi specifici del progetto ASAP:

1

Diffusione e adozione degli strumenti volontari di controllo delle specie aliene invasive da parte dei portatori di interesse attraverso la redazione in italiano dei codici di condotta europei nei vari ambiti e delle linee guida gestionali per le aree protette; diffusione di linee-guida e manuali tecnici per attività professionali (floro-vivaisti, commercianti di animali, liberi professionisti) e non (pescatori, cacciatori) e interventi mirati su forum e mailing list di settore (es. acquariofili).

2

Supporto all’implementazione del nuovo Regolamento EU sulle specie aliene invasive attraverso la formazione del personale di amministrazioni pubbliche a vario titolo competenti per l’attuazione del regolamento.

3

Formazione e coinvolgimento della comunità scientifica italiana nell’implementazione del regolamento EU con la creazione di una prima blacklist nazionale di IAS e di proposte da sottoporre al governo italiano scaturite da attività di horizon scanning e priority setting.

4

Aumento della consapevolezza del grande pubblico attraverso la formazione dei “moltiplicatori” e lo svolgimento di azioni mirate su scuole e cittadinanza intera con l'ausilio di differenti strumenti informativi e il supporto di differenti media (es. concorso nazionale, azioni di citizen science, Smart App, sito web, social network).

Offcanvas

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipisicing elit, sed do eiusmod tempor incididunt ut labore et dolore magna aliqua.