La flora aliena campione di corsa in montagna!

Le specie vegetali aliene si diffondono verso le alte quote al doppio della velocità rispetto alle specie autoctone.

Le piante aliene colonizzano le cime dei monti più velocemente delle specie autoctone. E' quanto emerge da uno studio recentemente pubblicato su Nature dal titolo “Human disturbance and upward expansion of plants in a warming climate”.

Nel corso dell’indagine l’equipe internazionale di ricercatori capitanata dagli scienziati dell’Università di Padova in collaborazione con l’Università di Helsinki, il Biocenter di Würzburg e il Museo Finlandese di Storia, hanno analizzato oltre 130 mila dati sulla distribuzione delle piante raccolte nell'arco di 20 anni sul Monte Baldo, una montagna compresa tra le province di Trento e Verona che ospita una grandissima diversità di specie vegetali (circa il 40% di tutta la flora alpina).

I risultati suggeriscono che gli ecosistemi montani temperati sono molto più suscettibili alle invasioni di piante aliene, più di quanto precedentemente ipotizzato e che, quando il disturbo umano è elevato, la velocità di diffusione può essere molto più rapida rispetto a quanto fin’ora stimato.

Nelle regioni montane, il cambiamento climatico ha innescato una progressiva risalita verso l'alto della distribuzione delle piante e, sebbene ci siano prove evidenti che molte specie autoctone abbiano già spostato la loro naturale distribuzione verso quote più elevate, fin’ora poco si sapeva riguardo a quanto velocemente le specie aliene rispondono ai cambiamenti climatici.

Nelle aree montane, già oggetto di drammatici cambiamenti della vegetazione a causa del riscaldamento globale in corso e l'aumento dell'attività umana, le invasioni delle comunità vegetali alpine da parte di specie esotiche rappresentano una significativa pressione aggiuntiva su questi ecosistemi vulnerabili.

Inoltre, la presenza di strade facilita l'espansione verso l'alto di tutte le specie analizzate, ma le piante aliene si spostano più velocemente rispetto a quelle autoctone: per questo motivo, l'apertura di nuove strade in questi fragili ambienti dovrebbe essere valutata sempre molto bene, poiché l'aumento della densità di strade può accelerare l'invasione da parte specie aliene invasive.

Lo studio è disponibile al link: https://www.nature.com/articles/nclimate3337.

Prossimi eventi
Dicembre 2018
L M M G V S D
1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31